Amaddio  Gino

Via R. Berretta, 197

56023  CASCINA (PI)

Tel.:  050-760259

Cell.:  340-8952069

e-mail:  amaddiogino@gmail.com

Sito web:  www.amaddiogino.it

 

 

GINO AMADDIO

Il cacciatore di arcobaleni

Chiunque si trovi ad osservare un dipinto di Amaddio resta sorpreso dal suo carattere dominante, “la malinconia” .

Una malinconia dolce, inconscia, non voluta ma tangibile e persistente. L’Artista è un esperto d’arte, particolarmente dedicato alla rappresentazione del paesaggio toscano, non proviene da cattedre universitarie, ne da altri campi della cultura, la sua apprezzabile qualità di pittore, nasce da un mistico colloquio con la natura, una poesia sottile che penetra nell’anima, una dolce malinconia in cui affiora un senso di pace serena, di amore verso tutto quello che intorno a lui ha palpito di vita.

Spesso l’opera dell’Amaddio, riesce a trasmettere quel tipo di emozione. Viene spontaneo chiedersi….cosa accadrebbe se l’artista cominciasse a dipingere complessi nuovi con elementi ricavati non dalla realtà di visione ma dalla realtà di concezione.

Il critico che per sua abitudine e conformazione mentale riesce a vedere le nascoste potenzialità, immagina anche un diverso risultato finale. Però c’è da chiedersi fino a che punto sia giusto modificare la realtà di un “cacciatore di arcobaleni” follemente innamorato della natura con le sue estasi, le sue ingenuità, le sue sofferenze e i suoi nirvana.

                                                                                                                      Giovanni Camelo

Ho conosciuto Gino all’Expò della vecchia Stazione Leopolda di Pisa, organizzata da “IDEARTE”.

Di questo pittore mi ha colpito la sua generosità emotiva carica di passione,senza peraltro creare disparità nella selezione dei soggetti, che narrano di un vissuto intenso di umanità, dal vero bisogno di sincerità espressiva,con accenti costruiti su malinconici ricordi.

Le piane dell’Arnaccio con la bruma mattutina, i campi lavorati, vecchie mura e antiche porte testimoni di un passato che fa riflettere.

Il dialogo è serrato tra il soggetto e il sentimento, sviluppandosi in una pittura figurativa limpida e passionale.

 Barbara Rosati

 

Nevicata 2013- olio su tavola 68×88

Stradello bianco – 2013 – olio su tavola 50×35

 

Condividi

Condividi questo con i tuoi amici !